ESCLUSIVA – La Ferla (Procuratore):”Dall’estero dovrebbero giungere Isco e Lavezzi.”

Jano La FerlaDopo poche ore dall’apertura delle porte della sessione invernale di calciomercato il nostro redattore, Dario Lignana, ha contattato in esclusiva l’agente Jano La Ferla, per parlare delle possibili strategie di mercato delle big del nostro campionato e dei nomi da non lasciarsi sfuggire.
Quali saranno i club che si muoveranno maggiormente sul mercato in questa sessione di gennaio?
 
“L’equilibrio che ha regnato sovrano nella prima parte di campionato, mantenendo i giochi aperti per la classifica, farà sì che più o meno tutti i club cercheranno di apportare correttivi alle rispettive intelaiature. 
Credo comunque che Juventus ed Inter sono le società che con più probabilità avranno modo di piazzare qualche colpo importante.”
 
Quali sono i big in partenza e chi potrebbe arrivare invece dall’estero?
“Per quanto riguarda le partenze dei big, non credo proprio che vi possa essere qualcosa di importante in questa fase di mercato. Credo, infatti, che sia Pogba come anche Icardi potrebbero partire, ma nella stagione prossima e non certamente durante questa sessione. Dall’estero dovrebbero giungere Isco e Lavezzi che saranno un valore aggiunto di assoluta importanza per i club che li acquisiranno.”
Gabbiadini e Zaza sono due giocatori che stanno cercando maggiore spazio, nelle loro rispettive squadre, in vista degli imminenti Europei. Cosa sai dirci riguardo il loro futuro?
“Come sempre accade quando c’è una manifestazione continentale alle porte, i calciatori in ballo per la convocazione giustamente scalpitano ancora di più per calcare il terreno di gioco con continuità e frequenza. Ma quando accade il contrario, per il calciatore, la volontà di cambiare maglia ed aria, aumenta a più non posso. Questo è il caso che accomuna ed attanaglia Gabbiadini e Zaza finora abbastanza ai margini nelle rispettive squadre di appartenenza. Credo che per entrambi la decisione sarà presa in volata, visto che sia Napoli che Juve non vorrebbero privarsene facilmente e soprattutto non vogliono cederli a qualche diretta concorrenza.”
Quale sarà il colpo più importante di questa sessione di mercato ?
“Punto su due giovani, new-entry: Calleri e Kramaric. Il primo, che l’Inter dovrebbe prendere per girarlo al Bologna, si presenta come il nuovo talento argentino e già nel Boca ha fatto vedere di che pasta è fatto. Infatti, se il suo approdo in Europa sarà senza problemi, gli si appiccicherebbe in fretta l’etichetta di top player; il talento croato, invece, adesso ad un passo dal Torino, e che nel Leicester rivelazione di Claudio Ranieri non ha trovato spazio fino a chiederne la cessione, è un attaccante importante e potrebbe avere da subito un impatto devastante nel nostro campionato. Ma anche chi prenderà Pepito Rossi farà un bel colpo, soprattutto se la sfortuna lo lascerà un po in pace. Così come se si concretizzasse il ritorno nel nostro campionato di Ciro Immobile che, tra Dortmund prima e Siviglia dopo, non si è confermato ai livelli delle ultime stagioni italiane.”
Quali sono i giocatori che , a tuo parere, le big del nostro campionato non devono lasciarsi scappare ?

 

“Per tutte le squadre del campionato nostrano, big comprese, il rischio attuale di vedersi soffiare talenti e giovani di prospettiva è purtroppo, allo stato, sempre concreto. Insomma, il rischio concreto di un Verratti-bis è sempre dietro l’angolo. Sensi del Cesena, Diawara del Bologna, Mandragora del Genoa e Gnahorè della Carrarese sono solo alcuni tra i giovani calciatori che si sono messi in mostra in questa metà di stagione e che hanno attirato l’attenzione oltre che dei grossi club italiani anche di alcuni stranieri. Pertanto, pochi indugi e occhi aperti per chi vuole accaparrarseli! Mentre invece con riferimento ai giovani talenti esteri, spero tanto che qualche club italiano non si faccia sfuggire Victor Oshimen attaccante nigeriano classe 1998 , che recentemente ha trascinato con i suoi goal la nazionale africana alla conquista del mondiale under17 e che è stato seguito ed attenzionato anche dai grandi club europei.”