Crea sito

Crotone si assicura tre talenti dalla C

 

 

Il Crotone, in questa sessione di mercato invernale, ha lavorato in silenzio e con tanta dedizione soprattutto per il futuro. Infatti il Ds Urbino ha piazzato un triplo colpo per giugno dal Gozzano. I piemontesi di mister Soda, dopo un inizio di campionato e per la prima volta tra i professionisti, con il freno a mano tirato, sono riusciti a trovare la giusta inquadratura e a risollevarsi dalle sabbie mobili della classifica. Di certo ora l’incubo sta ritornando, dopo la seconda sconfitta consecutiva e il tabù casalingo, ma il Gozzano può contare sul sacrificio, sulla velocità e la qualità dei suoi tre gioielli per raggiungere la salvezza. Stiamo parlando dei tre nuovi acquisti estivi del Crotone, che saluteranno il club piemontese: Jeremy Petris, Jean Lambert Evans e Junior Messias.

 

Due francesi e un brasiliano pronti a infuocare e incantare lo “Scida”. Impatto devastante sia dal punto di vista ambientale che tattico nel nostro campionato, in particolare in Serie C. Ma il Crotone ci ha visto lungo calando il tris e facendo fare il salto di qualità ai tre calciatori. Impegno, adattamento, sacrificio, velocità e tanta qualità le caratteristiche che accomunano tutti e tre.

Partiamo da Evans, classe ‘98, giocatore che ti permette di mantenere un certo equilibrio in campo viste le sue doti. Nasce come terzino sinistro ma può essere impegnato anche sulla linea di centrocampo, e con Soda, ha ricoperto anche il ruolo di ala destra e sinistra. Giocatore difensivo ma allo stesso tempo offensivo, bravo negli inserimenti senza palla e soprattutto come assistman ( in questa stagione in corso ne ha effettuati 5).

Altro francese, altro ‘98: Petris. Il ventunenne è una freccia double face del Gozzano. Ama tanto fraseggiare con i compagni negli spazi stretti, riesce quasi sempre a saltare l’avversario grazie alla sua velocità e abilità nel dribbling e si crea diversi spazi liberi costringendo alla difesa avversaria di aprirsi. La zona preferita di campo è la destra, e si adatta anche a fare il terzino dei quattro dietro. Sicuramente la sua qualità è quella di spingere e dunque in un centrocampo a quattro largo a destra è la soluzione più plausibile per mettere in evidenza tutto il suo valore. Una rete in stagione contro la Carrarese nel pari finale, 1-1.

Infine il “Messi” brasiliano, Messias. Certo, Messi è Messi ma lui ha qualche spunto che ricorda molto l’argentino. Una su tutte la bravura nello spezzare in due le difese avversarie grazie alla sua forza nelle gambe e velocità palla a piede impressionante. Quando accende il motorino diventa devastante e imprendibile, un vero grattacapi per gli avversari. Il classe ‘91 predilige tutto il fronte d’attacco, può anche essere utilizzato come punta centrale, vista la forza fisica possente. Ma l’ala di destra è casa sua, dove vengono messe in risalto tutte le sue caratteristiche. Infatti sulla corsia di destra insieme a Petris hanno fatto faville mettendo in crisi le squadre e diventando un punto solido e forte del Gozzano. Il brasiliano vede anche la porta, tiro forte e preciso, e anche sui calci piazzati a ridosso dell’area di rigore può risultare letale. Sono 4 le reti siglate finora, le ultime due hanno permesso al Gozzano di portare a casa il bottino pieno.

Insomma il presente si chiama Gozzano ma sullo sfondo c’è la B e il Crotone. Un’opportunità ghiotta da non fallire per i tre gioielli, che ora vogliono raggiungere la salvezza con il club piemontese per poi far innamorare anche la tifoseria calabrese a suon di velocità e giocate. Crotone hai fatto la scelta giusta, fidati!