Crea sito

Calcio Estero Archive

0

Barcellona e Real Madrid soffrono e così in Spagna comanda il Siviglia

IMG_20181009_173026Se in Serie A la Juventus continua il suo dominio incontrastato, in Spagna la classifica della Liga sta sorprendendo davvero tutti.

Barcellona e, soprattutto, Real Madrid stanno perdendo punti importanti e l’Atletico Madrid di Diego Simeone non ne sta approfittando così, tra la stupore generale, in testa al classifica c’è il Siviglia.

La squadra andalusa, infatti, é prima in classifica con 16 punti conquistati in 8 giornate grazie anche alle 7 reti realizzate dal centravanti portoghese André Silva, meteora lo scorso anno a San Siro con la maglia del Milan e adesso “asso nella manica” della formazione spagnola.

Dopo la parentesi dello scorso anno alla guida di Vincenzo Montella, il Siviglia quest’anno ha puntato sul tecnico Machin, rivelazione lo scorso anno alla guida del Girona e, con le conferme dei vari Banega, Vazquez e Muriel, la società spagnola si è rinforzata con gli arrivi di Nolito (ex Manchester City), Gonalons (ex Roma) e appunto il portoghese André Silva.

In Spagna sono tutti molto sorpresi dall’avvio di campionato del Siviglia e chissa che, con un Barca che tentenna molto (gli acquisti di Vidal e Malcon si sono rivelati superflui) e un Real Madrid che soffre tantissimo (la panchina del tecnico Lopetegui comincia a scricchiolare), il Siviglia non possa rompere il duopolio dei due top club e vincere la Liga, impresa che negli ultimi 14 anni è riuscita solo all’Atletico Madrid nel 2014.

 

0

Mourinho battuto dal suo ex capitano. Il Derby di Lampard elimina lo United

IMG_20180925_231343Il calcio inglese regala spesso episodi carichi di sentimento e ieri sera la sfida per la Carabao Cup (la coppa Nazionale) tra Manchester United e Derby County ne è stato un esempio.

All’Old Trafford, infatti, si sono affrontati i Red Devils di José Mourinho contro il Derby, formazione di Premiership (la nostra Serie B) guidati da Frank Lampard, ex bandiera del Chelsea.

La sfida si è conclusa ai calci di rigore e a trionfare è stato proprio il Derby County con il punteggio di 8-7 (errore finale del difensore dello United Jones) che consente al club piú piccolo di accedere al turno successivo eliminando una delle candidate alla vittoria del trofeo.

Se si pensa che circa dieci anni fa il Chelsea allenato da Mourinho vinceva questo trofeo e ad alzare la coppa era proprio il capitano Frank Lampard ecco che è facile pensare che ancora una volta l’allievo supera il maestro.

Per Lampard questa vittoria può essere la prima di tante soddisfazioni che spera di togliersi da manager dopo le tante vittorie da calciatore, per Mou invece prosegue il periodo nero che lo vede coinvolto anche nel pessimo rapporto con la sua stella Paul Pogba!

0

Sarri Vs Klopp: è questo il nuovo duello in Premier!

Dopo 5 giornate di Premiere League c’è un duo in testa che potrebbe dare vita ad un’entusiasmante sfida per il titolo. Liverpool e Chelsea, Reds contro Blues, Klopp contro Sarri, […]

IMG_20180918_100720Dopo 5 giornate di Premiere League c’è un duo in testa che potrebbe dare vita ad un’entusiasmante sfida per il titolo. Liverpool e Chelsea, Reds contro Blues, Klopp contro Sarri, sarà questo il duello per laurearsi campioni d’Inghilterra?

Le prime 5 partite hanno detto che entrambe le squadre sono un rullo compressore, avendo vinto tutte e 5 le gare con risultati importanti. Il Liverpool proprio lo scorso weekend ha battuto a domicilio il Tottenham, dimostrando di avere una fase difensiva molto solida grazie all’olandese Van Dijk (l’ex Southampton sta dimostrando di meritare la cifra importante spesa lo scorso anno) ed un centrocampo ben guidato dal nuovo acquisto Keita, preso dal Lipsia, che coordina i movimenti del reparto centrale e crea gioca per il trio d’attacco Salah-Firmino-Mane.

Il Chelsea di Sarri, invece, sta regalando spettacolo grazie all’ormai famoso “Sarriball’, il possesso pallone che in alcune partite ha raggiunto quasi l’80% a favore dei Blues e che gode di un ritrovato Hazard (il belga sembra essere tornato ai livelli di 2 stagioni fa) e di un Jorginho che ha preso in mano le chiavi del gioco dando geometria e organizzazione all’intera squadra.

Insomma, con il City di Guardiola distante solo 2 punti e United ed Arsenal sempre molto pericolose, Chelsea e Liverpool saranno certamente in lotta per il titolo per l’intera stagione e chissà chi tra Klopp e Sarri riuscirà a spuntarla.

0

Juve, lo United di adesso non è quello di Ferguson

IMG_20180831_170900Il sorteggio svolto ieri a Montecarlo ha inserito nello stesso girone della Juventus uno dei top club inglesi, ovvero il Manchester United di José Mourinho.

I Red Devils, tuttavia, non stanno attraversando un periodo particolarmente brillante considerando che nelle prime tre giornate di Premier hanno già collezionato 2 sconfitte ed al momento il gap dal City di Guardiola o dal Chelsea di Sarri sembra notevole.

Lo stesso Mourinho, prima di iniziare la stagione, aveva allertato tutto l’ambiente dicendo che lo United non si era mosso abbastanza sul mercato se è vero che, oltre all’arrivo del brasiliano Fred dallo Shaktar, non si erano visti movimenti importanti diretti verso l’Old Trafford. Il Manager portoghese, dopo la sconfitta interna contro il Tottenham di domenica scorsa, è esploso in conferenza stampa sottolineando come un tecnico con il suo palmares merita piu rispetto di quello che la stampa britannica gli sta riservando attualmente ma è chiaro che il gioco espresso dalla sua squadra non sta entusiasmando tifosi e stampa.

Insomma, per la Juventus lo United sarà sempre una squadra da tenere ma di certo è ben distante da quella squadra stellare che per quasi 30 anni fu guidata da un certo Alex Ferguson e che per quasi un lustro vide le gesta di un giovanissimo Cristiano Ronaldo…

0

Borriello chiama casa: ad Ibiza anche Cassano e Galliani?

Dopo Borriello anche Cassano e Galliani potrebbero arrivare ad Ibiza. Il club di terza divisione spagnola, infatti, sogna in grande con un tandem d’attacco fortissimo. Il calciatore barese, a 36 anni, dopo più ai […]

Dopo Borriello anche Cassano e Galliani potrebbero arrivare ad Ibiza. Il club di terza divisione spagnola, infatti, sogna in grande con un tandem d’attacco fortissimo. Il calciatore barese, a 36 anni, dopo più ai box pronto a rimettersi in mostra e potrebbe farlo insieme all’amico sull’isola delle Baleari. “Nascerà un nuovo stadio con hotel annesso, un centro sportivo. La squadra è forte, il presidente ha idee e vuole investire”, ha dichiarato Borriello al Corriere della Sera.

Sorge la suggestione l’ipotesi di offrire a Galliani il ruolo di presidente onorario. L’ex AD del Milan negli ultimi anni ha passato le sue vacanze nell’isola che conosce come le sue tasche.

 

 

0

Bayern Monaco: sogno Dybala per il 2019?

IMG_20180822_070456Nonostante il calciomercato si sia chiuso meno di una settimana fa, i progetti futuri dei top club internazionali non smettono mai.

In tal senso, la Bild, noto quotidiano tedesco, ha annunciato che il Bayern Monaco sta cominciando a valutare eventuali sostituiti del duo Robben-Ribery, ormai prossimi a chiudere la carriera dopo anni di vittoria in Baviera.

Tra i nomi che il giornale tedesco inserisce tra gli eredi dei due esterni c’è anche quello dello juventino Paulo Dybala, per il quale già quest’estate era giunti appezzamenti dalla Germania.

È ancora superfluo parlare di una possibile trattativa ma è ovvio che una società come il Bayern (fra l’altro pressoché inoperosa in questa ultima sessione di mercato) si muoverà in tempo per centrare un grosso colpo di mercato come potrebbe essere quello dell’attaccante argentino della Juventus.

0

Il PSG pronto a chiudere per Boateng del Bayern. Draxler torna in Bundesliga?

IMG_20180820_112757A differenza di Italia ed Inghilterra dove il calciomercato è già chiuso, in Francia è possibile fare operazioni di mercato fino al 31 Agosto ed il PSG sta per piazzare un nuovo grande colpo.

I francesi, infatti, sono pronti ad annunciare l’acquisto del difensore centrale del Bayern Monaco e della Nazionale tedesca Jerome Boateng. Lo stesso dirigente del Bayern Hoeness ha affermato che ci sono buone possibilità che il calciatore lasci il Bayern.

Non si conoscono bene le cifre del trasferimento ma è ovvio che per rientrare nei parametri del Fair-play finanziario, il PSG divra operare anche in uscita. In tal senso sembra probabile la cessione del trequartista tedesce Draxler, sul quale si sono mosse SchsSc

0

Il calciomercato vola sulla tratta Spagna-Italia

IMG_20180816_201708A poco più di 24 ore dal termine del calciomercato sembra svanire il sogno dell’Inter di portare in Italia Luka Modric, il fuoriclasse croato del Real Madrid.

Un percorso, quello che va dalla Spagna all’Italia, che quest’estate è stato molto caldo basti pensare che ha percorrerlo è stato nientemeno che l’attuale Pallone d’oro Cristiano Ronaldo giunto alla Juventus dopo aver vinto tutto con il Real Madrid.

Anche a Milano, sponda rossonera, hanno puntato su un esterno proveniente dalla Liga, ovvero quel Samu Castillejo che, dopo un paio di stagioni di alto livello al Villareal, arriva al Milan di Gattuso per fare, con il connazionale Suso, una coppia di ali tutte iberiche.

Anche in passato l’asse Spagna-Italia è stata teatro di trasferimenti importanti come i brasiliani Rivaldo e Ronaldinho, arrivati al Milan dopo i successi al Barcellona oppure il Fenomeno Ronaldo che Moratti strappò proprio ai blaugrana o prima ancora il giovane Diego Armando Maradona che il Napoli prelevò sempre dalla società catalana.

Napoli che negli ultimi anni ha puntato molto sugli spagnoli Raul Albiol e Callejon, arrivati dal Real Madrid ed anche quest’anno ha scelto la Liga per rinforzarsi acquistando il giovane centrocampista Fabian Ruiz dell’Espanyol.

Anche il percorso inverso (ovvero giocatori che hanno lasciato la Serie A per andare in Spagna) è stato molto intenso a cominciare dal trasferimento di Zidane dalla Juve al Real Madrid nel 2002 che per anni fu l’acquisto più caro di sempre, oppure lo stesso Fenomeno Ronaldo che lasciò l’Inter per andare al Real oppure ancora un giovane Cristian Vieri ceduto dalla Juventus all’Atletico Madrid nel lontano 1998.

Insomma gli intrecci di mercato tra Serie A e Liga non sono mai mancati ed anche se i sostenitori dell’Inter sono un po’ dispiaciuti per il mancato arrivo di Modric va ricordato loro che un giovanissimo Icardi, attuale capitano nerazzurro, si fece notare proprio in Spagna con la Barcellona. Come dire, anche Maurito è salito sul volo Spagna-Italia….

0

Chiuso il mercato in Premier: ecco i colpi principali!

IMG_20180810_020255In anticipo rispetto agli altri campionati, in Inghilterra il calciomercato si è chiuso ieri alle ore 18 considerando che stasera alle 20:45 ci sarà il primo incontro di Premier League tra Manchester United e Leicester.

A dispetto dei top team, il grande protagonista di questo mercato è stato l’Everton che, dopo aver gia preso il talento brasiliano Richarlison dal Watford e Digne da Barcellona, ha chiuso col botto prendendo sempre dagli spagnoli il difensore colombiano Yerry Mina ed il centrocampista portoghese Andrè Gomes.

Il Manchester City, detentore del torneo, dopo i tanti milioni spesi lo scorso anno, ha mantenuto lo stesso organico vincente aggiungendo il talentuoso algerino Marhez, prelevato dal Leicester mentre dall’altro lato di Manchester, lo United è rimasto al solo acquisto del brasiliano Fred lasciando Mourinho molto deluso per il mancato rafforzamento del suo team.

Chi ha speso tanto, invece, è stato il Liverpool di Klopp che dopo la finale di Champions dello scorso anno, vuole puntare ad un ruolo da protagonista nel proprio campionato. Per prendere Alisson dalla Roma, Keita dal Lipsia e Fabinho dal Monaco i Reds hanno speso quasi 200 milioni!

Altro club molto attivo è stato l’Arsenal del nuovo corso affidato ad Emery. Sono arrivati Lichtsteiner dalla Juventus, Sokratis dal Dortmund e Torreira dalla Sampdoria per aprire un nuovo corso dopo la lunga gestione di Wenger.

Al Chelsea, Sarri dopo aver ottenuto il suo pupillo Jorginho dal Napoli, ha chiuso col botto. Ceduto Courtois al Real Madrid, ha preso dagli spagnoli il croato Kovacic e per la porta ha speso 80 milioni per il giovane Kepa dell’Athletic Bilbao.

Infine, un plauso al neopromosso Fulham che e riuscito a piazzare tre colpi da big: il centrocampista Seri dal Nizza, l’esterno tedesco Schurrle dal Dortmund e l’attaccante argentino Luciano Vietto dall’Atletico Madrid.

 

0

Il gran ballo della mediana

Nonostante manchino pochi giorni alla fine del mercato, ci aspettano ancora notizie di fuoco. Il centrocampo è il reparto in cui più squadre necessitano acquistare o vendere. La Lazio ha […]

modric

Nonostante manchino pochi giorni alla fine del mercato, ci aspettano ancora notizie di fuoco. Il centrocampo è il reparto in cui più squadre necessitano acquistare o vendere. La Lazio ha proposto il rinnovo a Sergey Milinkovic-Savic, ma potrebbe essere solo una strategia per aumentarne il valore. Su di lui la Juve non si è mai nascosta ed il Real Madrid ci sta facendo più di qualche pensiero. Infatti se dovesse partire Modric direzione Inter, oltre al laziale si parla anche di Miralem Pjanic, che a Torino non sembrano intenzionati a vendere sotto i 100 milioni. Rimanendo in Spagna, sponda catalana, il Barça ha gli occhi fissi su Paul Pogba. però il muro dello United sta frenando l’affare.

0

Sarri non lo vede e Bakayoko può essere il nuovo rinforzo rossonero

IMG_20180806_001329Nella prima partita ufficiale disputata, il Community Shield contro il City di Aguero, Maurizio Sarri lo ha lasciato addirittura in tribuna. Stiamo parlando del centrocampista francese Tiemoue Bakayoko, che dopo essere giunto a Londra dal Monaco per quasi 50 milioni di euro, adesso sembra fuori dal progetto dei Blues.

L’occasione sembra ghiotta, quindi, e un dirigente astuto come Leonardo sta sondando il terreno per portare Bakayoko al Milan. Sarri muore dalla voglia di riabbracciare a Londra Pepe Reina, anche perché il portiere titolare del Chelsea Courtois spinge per andare al Real Madrid, e uno scambio tra il portiere spagnolo e il centrocampista francese (più un eventuale conguaglio) potrebbe davvero fornire a Gattuso una valida alternativa al duo Kessie-Biglia.

Per adesso è solo un’idea ma dopo l’affare “Higuain-Caldara-Bonucci” Leonardo ha fatto capire di essere un dirigente in grado di far tutto!

0

Inter, Joao Mario rifiuta l’offerta del Leicester

Dopo aver trascorso una stagione al West Ham, Joao Mario è tornato a Milano come esubero da sistemare altrove. Il problema per l’Inter è la mancanza di squadre interessate al […]

joao.mario.inter.2016.17.indica.750x450

Dopo aver trascorso una stagione al West Ham, Joao Mario è tornato a Milano come esubero da sistemare altrove. Il problema per l’Inter è la mancanza di squadre interessate al calciatore. Il Leicester era l’unica ad essersi fatta avanti in modo concreto, ma l’entourage del portoghese ha rifiutato la proposta. Dunque il classe 1993 partirà con la squadra per Lecce senza essere parte integrante del progetto nerazzuro.